RIPARTIRE  DALL’EDUCAZIONE

LETTERA APERTA A INSEGNANTI, GENITORI ED EDUCATORIALLA FINE DELL’ANNO SCOLASTICO 2020-21

In una lettera aperta scritta in settembre ad insegnanti e genitori evidenziavamo come dall’esplosione della pandemia nella primavera del 2020 fossero scaturite due questioni: innanzitutto la riproposizione in modo drammatico delle domande sul senso della vita, del dolore e della morte e poi la consapevolezza che la scuola fosse un luogo di rapporti, di comunità di persone. Auspicavamo per il nuovo anno scolastico la presenza di adulti capaci di ripartire da un’esperienza umana costituita dalle stesse domande dei ragazzi, dallo stesso desiderio di felicità, bellezza, verità, giustizia e disponibili a mettere in gioco se stessi nel tentativo di rispondere a tali domande direttamente nel rapporto con gli alunni, in modo che la lezione diventasse un’ora di scoperta e di educazione dell’umano. Non immaginavamo che ci sarebbero state una seconda ed una terza ondata di contagi ed un ritorno alla didattica a distanza, nelle scuole e nelle altre esperienze educative come la catechesi, come pure la riduzione o l’azzeramento delle attività sportive. È stato quindi un anno caratterizzato da privazioni per i bambini, i ragazzi, i giovani e di fatiche per insegnanti, educatori, genitori. È stato un anno più duro e più difficile del precedente, in cui è venuta meno la presunzione di avere in pugno il destino della vita e l’incertezza è diventata la cifra del nostro tempo. Proprio a partire da questa esperienza siamo convinti che non ci si possa accontentare che tutto ritorni semplicemente come prima della pandemia. “Peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla”: è stato il forte richiamo di Papa Francesco. Al termine di quest’anno scolastico ci chiediamo: cosa può far sì che la prossima ripartenza sia veramente qualcosa di nuovo? Per noi è fondamentale il recupero della centralità della persona.

Certamente il ritorno a scuola e il riunirsi in presenza, lo svolgimento dell’attività educativa negli oratori o in altri luoghi e la ripresa delle attività sportive ed associazionistiche potranno favorire un netto miglioramento della situazione, ma tutto ciò non potrà rispondere alle nuove sfide che ci troviamo di fronte se ognuno non si interrogherà personalmente su cosa abbia imparato in questi mesi, chiuso nelle proprie case, attaccato al computer, costretto a seguire lezioni ed incontri a distanza.

Abbiamo imparato che non esiste un io senza relazioni, ma il pericolo è che sovente le relazioni possano nascondere una grande povertà di proposta: senza un rapporto con persone che veramente si interessino alla vita dei ragazzi, attente ai loro bisogni, desideri e domande, la scuola, la vita associativa, le molteplici iniziative educative potrebbero risultare povere di novità, col rischio che col tempo venga meno la responsabilità che ci è chiesta di contribuire alla crescita umana di ogni persona che incontriamo e di aiutarla a scoprire chi è e cosa vuole.

Ripartire significa ritrovare un nuovo slancio educativo, come le testimonianze offerte da “Lettera alla città” hanno documentato, ma perché questo accada occorre che prima di tutto noi adulti ancora una volta ci rimettiamo seriamente di fronte ai grandi interrogativi: chi siamo, qual è il senso dell’esistenza, cosa significa essere felici, è possibile ancora avere speranza? Poi chiederci: come una maggiore coscienza delle nostre radici, della nostra tradizione, della nostra cultura ci può aiutare a costruire una proposta educativa affascinante, che attragga l’intelligenza, il cuore e l’umanità dei più giovani? Ognuno dovrà cercare le risposta a tali domande, ma per tenere viva una sfida così grande e decisiva occorre un confronto comune e non vivere da soli la propria ricerca e la propria esperienza educativa. Per favorire questo lavoro, “Lettera alla Città”, a partire da settembre, proporrà una serie di occasioni, incontri e testimonianze rivolte a insegnanti, genitori ed educatori allo scopo di sostenere con un aiuto sistematico chiunque desideri vivere insieme la propria responsabilità educativa. È possibile fin d’ora contattarci per idee e suggerimenti.

EMAIL educare.varese@gmail.com

FACEBOOK @Lettera-ALLA-CITTÀ

Commenti chiusi