Candelora a Casbeno

La tradizione è conservata con le celebrazioni dedicate in parrocchia e il santuario aperto per la visita personale.

«Manterremo la tradizione attraverso i momenti più significativi» spiega monsignor Panighetti, parroco di Casbeno e prevosto di Varese.

«Domenica 7 febbraio le celebrazioni saranno solo nella Chiesa Parrocchiale di San Vittore a Casbeno. Alle 9.30 ci sarà la s. Messa della Presentazione del Signore, mentre alle 14.30 Rosario e l’antica cerimonia della benedizione delle mamme in attesa».

Il Santuario di Santa Maria della Purificazione (la “Schirannetta”) sarà aperto, nel rispetto delle misure di sicurezza sanitarie, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17 per la sola visita personale.

Data l’attuale situazione, l’attività ricreativa viene rimandata al prossimo anno.

 

LA FESTIVITÀ E IL SANTUARIO ROMANICO

Il 2 febbraio la Chiesa celebra contemporaneamente la Purificazione di Maria e la presentazione di Gesù al Tempio. Secondo le scritture il vecchio Simeone, preso tra le braccia Gesù esultò di gioia e disse che il bambino era “luce per illuminare le genti”. Ecco perché questa festa è conosciuta anche come “Candelora”.

Il minuscolo santuario romanico nei prati del rione varesino di Casbeno è dedicato proprio a Santa Maria della Purificazione. Conosciuta come chiesa della “Schiranetta” o “Schirannetta” è, da secoli, un luogo caro alla devozione popolare.

 

Commenti chiusi